Che schiava di Roma

Vista la politica editoriale recentemente approvata dal Consiglio della Comunità Italiana di Ubuntu, mi preme specificare che questo articolo non tratta di politica, nè di sport.

Con questo articolo voglio inaugurare una nuova rubrica del mio blog, interamente dedicata alle attività ludiche! Sì, avete capito bene: ogni puntata vi verranno proposti nuovi divertenti giochi e vi prometto che ne vedrete di belle!

Poichè cercherò di conquistare più lettori possibili, i passatempi qui pubblicati apparterranno ogni volta a un genere diverso; avrete la possibilità di partecipare ad avvincenti giochi di ruolo (sia single che multi player), intriganti rompicapo, complicati strategy game, infiniti puzzle… insomma: ne avrete per tutti i gusti!

Ma… oh! Come sono prolisso! Basta chiacchierare! Vi presento il primo originalissimo e divertentissimo giochino:

Trova il fottuto errore

Le regole sono molto semplici: all’inizio della partita vi vengono proposti dei documenti di vario genere (vignette tratte da fumetti noti, spezzoni presi da film famosi, oppure ritagli di giornale contenenti citazioni, brevi cronache, etc)  da leggere, visionare, confrontare, odorare, assaggiare ma, soprattutto, spulciare alla ricerca di uno o più errori, tutto sempre entro il limite di tempo massimo di 24 ore. Sarà proclamato vincitore della partita (e avrà un post trionfale a lui interamente dedicato) il primo lettore che riuscirà nell’impresa di individuare la cazzata madornale contenuta nei documenti proposti.

Siete pronti? Siete caldi? Avete ripassato? Bene, allora cominciamo con il primo brano:

“Fratelli d’Italia
L’Italia s’è desta
Dell’elmo di Scipio
S’è cinta la testa
Dov’è la vittoria?!
Le porga la chioma
Ché schiava di Roma
Iddio la creò”

Goffredo Mameli, «Il canto degli Italiani»

Ora, via con il secondo!

“Non dobbiamo più essere schiavi di Roma. L’Inno dice che ‘l’Italia è schiava di Roma…’, toh! dico io!”

Umberto Bossi, congresso Liga Veneta-Lega Nord

Vai ragazzi, che questo è semplice! Al mio “tre” partirà il tempo:

Uno…

Due…

….

Tre!

Facebook Twitter Linkedin Plusone Pinterest Email

13 pensieri su “Che schiava di Roma

  1. Perchè schiava (la vittoria) di Roma Dio la creò… Dio creò la vittoria schiava di Roma perchè Roma un tempo dominava il mondo… no?

  2. Ma soprattutto visto che con linux non c’ha niente a che vedere questa categoria, che ne dici di dare in pasto agli aggregatori solo il feed della categoria linux in modo da non pubblicare articoli OT? :mrgreen:

  3. L’errore sta nel fatto che chi lo commette è un fottutissimo ignorante così come quelli che lo acclamano, due braccia rubate all’agricoltura, e che sconosce la lingua italiana dato che mi sembra chiaro che “schiava” si riferisce alla vittoria.

    Meditate gente, in mano a chi siamo! Meditate…

    Quanti sono i parlamentari? 600

    Ci vogliono 300 facce nuove e i restanti 300 tutti a casa.

    Non è certo la prima volta che l’ignorante in question attenta alla Repubblica Italiana e invece di arrestarlo immediatamente gli altri Politici lo pregano di porgere le proprie scuse agli italiani.

    MEDITATE

    Chiedo perdono all’autore del blog per il mio sfogo, ma certi fatti che succedono mi fanno venire il voltastomaco

    Ciao a tutti

  4. Sono indeciso tra
    1. la risposta che ha già dato clhona, ma a quel punto non vinco nulla
    2. l’uso del ‘?!’ che secondo me nell’ottocento era errore grammaticale/sintattico/ortografico
    3. Umberto Bossi (cioè, Umberto Bossi È un errore, giusto?!?)

  5. Pingback: Alessio Treglia » And the winner is…

  6. il vero testo comincia così:
    frattaglie d’italia, l’italia sta addestra, nell’elmo di scipio ci fa la minestra, dovè la vittoria? staffa la cicoria ! ke skiava de “croma” stò “Pio” la kreò! stringiamoci ai corti rendiamoli storti siam pronti , SON MORTI !!!! Biondina gridòòòòò !!! Siììììììì !!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *