Farewell Ubuntu-it!

Era il gennaio 2007 quando, per la prima volta, lasciai un messaggio sul forum della Comunità Italiana di Ubuntu. Da lì l’evoluzione è stata rapida: cominciai a contribuire alla stesura delle guide della documentazione della comunità (il “wiki“), prima come autore, poi come editor e infine come amministratore. Parallelamente iniziai anche a partecipare ai lavori del Gruppo traduzione e infine approdai allo sviluppo vero e proprio, curando inizialmente i merge e sync dei pacchetti da Debian, per poi estendere successivamente il mio raggio d’azione anche alla risoluzione dei bug.

Sette anni fa dunque ebbi il mio primo contatto con la Comunità e i riscontri furono molto positivi, trovai un folto gruppo persone disposte a impiegare molto tempo delle proprie giornate a spargere il verbo di una distribuzione GNU/Linux libera, fondata sui valori universali di solidarietà e condivisione della conoscenza, in modo del tutto volontario. Tra me e il Codice di Condotta di Ubuntu è stato amore a prima vista e, come gli altri, fui felicissimo di abbracciare il progetto Ubuntu e impegnarmi per la sua crescita.

Ci sono stati tempi duri, l’evoluzione del rapporto fra la base comunitaria e l’azienda sponsor principale di Ubuntu ha indebolito molte delle promesse fatte alle origini, nonchè incrinato le certezze e ispirato dubbi a un buon numero di noi. Mentre qualcuno, profondamento deluso dalla scelta di Canonical di declassare i principi etici sui quali la Comunità di Ubuntu ha costruito il vero successo di quest’ultimo, se ne andava altri iniziavano a ridurre i propri contributi e a credere meno nel progetto, altri ancora hanno semplicemente trovato cose migliori da fare. Ecco, io faccio parte di quest’ultimo gruppo. Benchè sia l’unico amministratore ancora attivo della mailing list di supporto, sono passati anni ormai dall’ultima volta in cui ho revisionato una guida sul wiki o dato un consiglio a qualche nuovo utente in difficoltà sul forum o nel canale IRC, ciò mi fa sentire una specie di burocrate del nulla ed è assolutamente in contrasto con la mia idea di cosa una comunità di supporto deve fare: aiutare gli utenti.

Oggi dunque prendo finalmente coscienza e lascio la Comunità Italiana per evidente mancanza di interesse e tempo da dedicarvi.

In questi sei anni molte cose sono cambiate nella mia vita e una fetta della felicità raggiunta la devo a ciò che ho imparato da quelle persone che ho avuto modo di conoscere e frequentare proprio grazie a Ubuntu-it. Milo, Paolo, Leo, Fabio “thesaltydog”, Flavia, Luca (entrambi, “elle” e DktrKranz), Maurizio (Bugman! Dove sei finito?), Sergio, Volans: a loro va il mio pensiero e la memoria corre verso tutti quei momenti nei quali abbiamo condiviso un pezzetto di infinito.

Farewell everyone, it’s been great riding with you.

Facebook Twitter Linkedin Plusone Pinterest Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *