Scrivere un’applicazione in C con le GTK+ (Prima parte)

Quello che segue è un breve tutorial introduttivo alla programmazione in ambiente GNOME con le librerire GTK+. Benchè sia possibile scrivere applicazioni con le GTK+ in diversi linguaggi per i quali vengono forniti binding sempre aggiornati, ho scelto il C come linguaggio per gtk-foobar, l’applicazione d’esempio di questo tutorial, poiché garantisce maggiori potenza e stabilità.

Soddisfiamo le dipendenze

Prima di installare le dipendenze necessarie alla nostra nuova applicazione, è bene scegliere i nostri strumenti con grande cura: personalmente mi trovo benissimo con Anjuta IDE, un ambiente di sviluppo open source completo di tutto ciò che ci servirà in questo tutorial (e non solo). Per installarlo su Ubuntu 8.04 «Hardy Heron» è sufficiente digitare il seguente comando in una finestra di terminale:

sudo aptitude install anjuta

Ecco uno screenshot dell’ambiente di sviluppo:

Una schermata di Anjuta IDE

Per quanto riguarda le dipendenze, se si è interessati solo allo sviluppo con le librerie GTK+ (complete di supporto per l’internazionalizzazione) è sufficiente digitare questo comando:

sudo aptitude install build-essential libgtk2.0-dev glade-3 autotools-dev libtool intltool intltool-debian

Per la documentazione è consigliato installare lo strumento Devhelp, corredato del reference manual delle librerie:

sudo aptitude install devhelp libgtk2.0-doc

Iniziamo un nuovo progetto

Con Anjuta non serve preparare alcun Makefile né generare dipendenze di nessun tipo: basta andare su Applicazioni -> Programmazione -> Anjuta IDE e fare clic su File -> Nuovo -> Progetto. Verrà avviato un assistente e alla richiesta di informazioni sul tipo di progetto bisogna selezionare l’icona raffigurante il simbolo delle librerie GTK+, come nella seguente schermata di esempio:

Selezionare il tipo del nuovo progetto

Ora siamo pronti per iniziare!

Oh GUI, mon amour!

Cominciamo subito con la preparazione dell’interfaccia grafica dell’applicazione: facendo clic sul file gtk_foobar.glade presente nella cartella del progetto verrà avviata una versione integrata del designer di interfacce Glade, con il quale sarà possibile inserire tutti gli elementi grafici che desideriamo. Tenete conto delle seguenti considerazioni:

Page 1 of 3 | Next page