Toshiba Folio100, ecco Android Honeycomb

Android 3.0 Honeycomb, ovvero ciò che Toshiba non vi darà mai per il vostro Folio100:

La mod in questione è basata su VegaComb ed è frutto del lavoro di DexterPicard, ormai migrato da XDA a Tabletroms. Prima di illustrare la procedura di installazione, tenete bene a mente ciò che segue:

  • tutte le applicazioni e le configurazioni utente andranno perdute;
  • la fotocamera non funziona e non funzionerà almeno finché qualcuno non sarà riuscito a tirar fuori un port del modulo del kernel;
  • alcune applicazioni scaricate dal market potrebbero non funzionare;
  • il risultato non è garantito, perciò siate consapevoli che già conoscete l’autore di qualsiasi danno che potrebbe riportare il tablet: Voi stessi.
OK, partiamo da una breve lista di ciò che vi serve:
  • Il cavo USB-to-mini-USB fornito nella confezione originale
  • Ubuntu o Debian, nel mio precedente articolo trovate le informazioni su come configurare il sistema per l’utilizzo di ADB e simili (è inutile che mi chiediate di aiutarvi a configurare Windows, non rispondo a tali email);
  • fastboot;
  • ClockworkMod Recovery per Folio100;
  • Folio3x di DexterPicard;
  • Una memoria SD, con una quantità di spazio disponibile sufficiente a contenere il file update.zip della Folio3x;
  • Un po’ di sale in zucca.
Siamo pronti, possiamo cominciare!
  1. Primo step: spegnere il tablet e riaccenderlo. Alla comparsa della schermata di boot (quella con il logo di Toshiba, per intenderci), premere 3 volte il tasto di accensione e 1 volta il tasto VOL+. Fate attenzione a non premere più di tre volte il tasto di accensione, otterreste la morte del tablet, con consequente visita al negozio dove lo avete acquistato.
  2. Secondo step: siete entrati nella fastboot mode: bravi! Ora aprite un terminale nella cartella di download dei file, scompattate fastboot e il file recovery.img contenuto nell’update.zip della ClockworkMod Recovery. Infine, collegate il tablet al computer via USB e testate il collegamento con il comando:
    ./fastboot devices

    Se nella lista dei dispositivi compare il Folio100 come dispositivo sconosciuto, siete a cavallo e potete digitare:

    ./fastboot erase userdata
    ./fastboot erase system
    ./fastboot erase cache
    ./fastboot erase linux
    ./fastboot erase recovery
    ./fastboot flash recovery recovery.img
    ./fastboot reboot

    Avete appena piallato (quasi) tutte le partizioni nella memoria interna e installato ClockworkMod come nuovo sistema di ripristino. Il tablet si riavvierà, alla comparsa del logo Toshiba premete contemporaneamente il tasto di accensione e VOL+, quindi in sequenza VOL+, VOL-, VOL+. Vi troverete nel menù di ripristino, ora non rimane che preparare la scheda di memoria.

  3. Terzo step: scompattate il file update.zip contenuto nell’archivio della Folio3x e salvatelo nella directory principale della memoria SD esterna e inseritela nel tablet. Dal menù di ripristino, selezionate «Apply sdcard:update.zip».
Il tablet si riavvierà, non resta che incrociare le dita e attendere pazientemente. Fatemi sapere cosa ne pensate!

Link:

Facebook Twitter Linkedin Plusone Pinterest Email

1 pensiero su “Toshiba Folio100, ecco Android Honeycomb

  1. Grazie per la guida.
    Sono riuscito a installare la Folio3x su Folio100, però ho dovuto fare una modifica: invece di usare fastboot (che tra l’altro non c’è nell’SDK attuale), ho usato un’aggiunta alla tua procedura di rooting, subito dopo aver ottenuto root:

    android-sdk-linux/platform-tools$ ./adb push recovery.img /data/local/tmp
    1211 KB/s (4325376 bytes in 3.485s)
    android-sdk-linux/platform-tools$ ./adb shell
    $ cd /data/local/tmp
    $ su -
    # dd if=recovery.img of=/dev/block/mmcblk0p7 bs=2048
    2112+0 records in
    2112+0 records out
    4325376 bytes transferred in 1.887 secs (2292197 bytes/sec)
    # exit
    $ exit

    A questo sono passato direttamente al reboot con recovery.
    HTH
    Ciao
    Francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.