Ubuntu-it, chi ti risponde sa davvero di che parla ;)

La Comunità Italiana di Ubuntu é stata riconfermata come unico team ufficiale di supporto dalla Ubuntu Community.

Bella notizia, non vi pare?

Facebook Twitter Linkedin Plusone Pinterest Email

14 pensieri su “Ubuntu-it, chi ti risponde sa davvero di che parla ;)

  1. Puerile provocazione e titolo fuorviante.
    Neanche fosse un merito essere designati dall’alto come “unico team ufficiale di supporto”: se manca la qualità, la targhetta sulla porta non conta niente.

  2. Alessio ti voglio bene, ma essere riconfermati senza nessuna concorrenza non è che sia un vanto.
    A meno che non pensi che LQH lo sia, ma in tal caso puoi stare tranquillo, non ci teniamo alla medaglietta 😉


  3. guiodic:

    Alessio ti voglio bene, ma essere riconfermati senza nessuna concorrenza non è che sia un vanto.

    Siete dei concorrenti poco informati, sono sicuro che la partita sarebbe stata avvincente!


    Muflone:

    Non potevi scegliere un titolo peggiore pero` mi hai fatto ridere :D

    Eh eh eh…
    Fa piacere trovare persone come voi che sanno stare agli scherzi 🙂

  4. Mi viene da ridere. Non perché sappia stare allo scherzo, ma per quanto questo post sia ridicolo 😀
    Il forum di Ubuntu non ha la qualità che c’era prima. Cosa ve ne fate di quel riconoscimento? LQH lo merita molto di più.

  5. Non c’è concorrenza perché non c’è nessuno in grado di farla 🙂

    La qualità del forum è scesa perché il bacino di utenti è cresciuto e con lui le persone che sanno poco o niente di informatica.
    Vai su slacky.eu, sono forse un decimo degli utenti di ubuntu-it, ma la maggior parte sono appassionati di it. Questo non è voler confrontare le due comunity, è solo per spiegare perché il forum di ubuntu è un po peggiorato (ovviamente secondo la mia personalissima opinione).

  6. All’epoca di Dapper Drake ho provato a dare un contributo personale al forum di Ubuntu-it, senza chiedere “tessere d’appartenenza”, amicizie o roba simile… ho ricevuto tante domande, complimenti, il post è stato anche messo tra gli sticky ed ha iniziato ad essere linkato in altri siti/forum.
    Risultato? Mi sono attirato addosso l’invidia di un paio di persone che m’hanno proprio fatto passare la voglia di collaborare con questi “circolini”.
    Di LQH non parlo perché non c’ho mai avuto a che fare, ma l’esperienza con Ubuntu-it m’ha insegnato che ovunque dei volenterosi decidano di fare qualcosa di buono, ecco che arrivano le sanguisughe a cercare di appagare la loro vanagloria.
    Di conseguenza, da queste comunità mi tengo alla larga, continuo a creare i miei contenuti senza scopiazzarli dagli altri e ad aiutare chi mi chiede una mano in modo indipendente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *