Gestire le identità nelle istanze cloud distribuite

Ho molte istanze in diversi cloud, anche approfittando di alcune offerte gratuite per sviluppatori: Amazon Web Services (AWS), Digital Ocean, HP Cloud, ma anche cloud regionali come Moresi.Com, Enter o le mie istanze virtuali sui miei sistemi in housing.

Insomma, un bel po’ di sistemi Linux distribuiti nel mondo, forse come molti informatici.  E su questo si incastra il problema di avere la mia identità e quella dei miei utenti/sviluppatori distribuita in questi sistemi. Mentre in una intranet avrei usato LDAP senza esitazioni, creare un LDAP esposto ad Internet potrebbe non essere una buona idea.

Allora come fare a risolvere questo problema e contemporaneamente avere un ottimo livello di sicurezza? La risposta potrebbe essere quella di usare il nuovo modulo NSS per SecurePass.

Fino ad adesso SecurePass è stato sempre usato come un “two factor authentication” nel cloud, soltanto sfruttando la parte di autenticazione nel sistema operativo. Ma la nuova versione beta è in grado di ospitare gli “extended attributes”, che sono informazioni arbitrarie che un amministratore o una applicazione puo’ usare per ogni utente di SecurePass.

Useremo SecurePass per autenticare l’utente e tenere le informazioni Unix atttraverso questa nuova funzionalità. In particolare, useremo:

  • il sottosistema PAM per autenticare gli utenti via RADIUS
  • il nuvo modulo NSS di SecurePass per ottenere informazioni di UID/GID/….

SecurePass e gli extended attributes

La prossima generazione del servizio SecurePass (attualmente in beta) è in grado di ospitare informazioni arbitrarie per ogni profilo utenti. Questa funzionalità è chiamata “Extended Attributes” (o xattrs) e -come potete immaginare- sono organizzate in modalità chiave/valore.

Dovete avere i SecurePass tools per modificare gli extended attributes di un utente. Le nuove release di Debian Jessie and Ubuntu Vivid Vervet, avranno un pacchetto per questo, quindi potrete fare:

# apt-get install securepass-tools

Per altre distribuzioni Linux (o Unix), potete usare il python package installer (PIP) per installare i tools. Installate come pre-requisito pycurl e poi:

# pip install securepass-tools

Anche se i SecurePass tools hanno la possibilità di avere un file di configurazione locale, per questo tutorial raccomandiamo di creare un file /etc/securepass.conf, in modo da essere usato anche dal modulo NSS. Il file di configurazione e’ simile a quanto sotto:

[default]
app_id = xxxxx
app_secret = xxxx

Dove app_id e app_secrets sono API keys valide per accedere a SecurePass beta.

Attraverso la riga di comando, saremo in grado di impostare UID, GID e tutti gli attributi Unix per ogni utente:

# sp-user-xattrs user@domain.net set posixuid 1000

Mentre  posixuid e’ l’attributo minimo per avere un login su Unix con il modulo NSS, i seguenti attributi sono validi:

  • posixuid → UID dell’utente
  • posixgid → GID dell’utente
  • posixhomedir → Home directory
  • posixshell → Shell preferita
  • posixgecos → Gecos (il default è lo username)

Installazione e configurazione del modulo NSS SecurePass

Similmente a quanto avviene per i tools, Debian Jessie e Ubuntu Vivid Vervet hanno un pacchetto nativo per SecurePass

# apt-get install libnss-securepass

Per le precedenti releases di Debian e Ubuntu, ma anche per CentOS e RHEL, è sempre possibile installare il modulo. I sorgenti sono disponibili su:

https://github.com/garlsecurity/nss_securepass

Poi:

./configure
make
make install (solo Debian/Ubuntu)

Per CentOS/RHEL/Fedora bisogna installare il modulo NSS nel posto giusto:

/usr/bin/install -c -o root -g root libnss_sp.so.2 /usr/lib64/libnss_sp.so.2
ln -sf libnss_sp.so.2 /usr/lib64/libnss_sp.so.2

Il file di configurazione /etc/securepass.conf va esteso per avere le informazioni di default per il modulo NSS. Bisogna creare una sezione [nss] come da basso:

[nss]
realm = mydomain.com
default_gid = 100
default_home = "/home"
default_shell = "/bin/bash"

Il realm va impostato come quello registrato su SecurePass, il modulo NSS farà append del dominio/realm corrispondente all’utente Unix. Io preferisco impostare il GID corrispondente al gruppo “users”, che di solito su Linux è il gruppo 100. Fate in modo che questo gruppo esista a livello di sistema operativo. Se non si impostano i default su home e shell, i default dei default sono “/home” e “/bin/false”

Dobbiamo ora configurare il Name Service Switch (NSS) per usare SecurePass. Cambiamo il file  /etc/nsswitch.conf aggiungendo “sp” alla riga passwd come segue:

$ grep sp /etc/nsswitch.conf
passwd:     files sp

Controllate che il sottosistema NSS stia funzionando con il modulo SecurePass facendo una query alla tabella passwd come segue:

$ getent passwd user
user:x:1000:100:My User:/home/user:/bin/bash
$ id user
uid=1000(user)  gid=100(users) groups=100(users)

A questo punto abbiamo configurato gli utenti a sistema operativo, ma gli stessi non potranno collegarsi perche’ manca una password corrispondente. Useremo SecurePass per autenticare gli utenti.

Configurare PAM per SecurePass

Se stai usando CentOS o RHEL, bisogna avere EPEL configurato. Per attivare EPEL, seguite le istruzioni su http://fedoraproject.org/wiki/EPEL

La configurazione seguente non è stata provata con SE-Linux abilitato (controllate che sia disabilitato o in modalita’ permissive).

Su CentOS/RHEL, installate il modulo PAM RADIUS con:

# yum -y install pam_radius

Su Debian/Ubuntu, installate il modulo PAM RADIUS con:

# apt-get install libpam-radius-auth

Nota: al momento della scrittura del presente articolo, EPEL 7 è ancora in beta e non contiene il modulo PAM RADIUS. E’ stata fatta una richiesta attraverso il Bugzilla di RedHat per includere questo pacchetto in EPEL 7

Accediamo all’interfaccia di amministrazione SecurePass e aggiungiamo un nuovo device RADIUS. Dobbiamo solo settare l’IP Pubblico del server, un fully qualified domanin name (FQDN) e la secret pass per l’autenticazione Radius. Se siete sotto NAT, questo corrisponde all’IP pubblico di uscita dei pacchetti. Dopo l’aggiunta avremo un piccolo riassunto con i dati del device appena aggiunto. Per questo esempio, useremo “secret”.

Configurate il modulo PAM RADIUS attraverso il file /etc/pam_radius.conf e aggiungete le seguenti righe:

radius1.secure-pass.net secret 3
radius2.secure-pass.net secret 3

Ovviamente “secret” è la stessa che abbiamo impostato attraverso l’interfaccia di amministrazione di SecurePass administration interface. A questo punto bisogna modificare il file di configurazione di PAM.

In CentOS, modificate il file /etc/pam.d/password-auth-ac; in Debian/Ubuntu modificate il file /etc/pam.d/common-auth ed assicuratevi che il modulo pam_radius_auth.so sia nella lista.

auth required pam_env.so
auth sufficient    pam_radius_auth.so try_first_pass
auth sufficient pam_unix.so nullok try_first_pass
auth requisite pam_succeed_if.so uid >= 500 quiet
auth required pam_deny.so

Conclusioni

E’ difficile avere a che fare con tante istanze Linux distribuite; ci sono problemi che spaziano dal mantenere il software sempre aggiornato, al logging centralizato fino alla gestione delle utenze. Nel cloud, infatti, non è sempre possibile usare i software che tradizionalmente venivano usati nelle intranet. Alcuni tools, come SecurePass, possono aiutare nella gestione quotidiana.

Per poter accedere alla Beta di SecurePass, bisogna attivare SecurePass su: http://www.secure-pass.net/open

E successivamente mandare una mail a support@secure-pass.net richiedendo l’accesso alla beta.

Bits from the Debian Multimedia team

Questo breve aggiornamento sullo stato dei lavori é stato pubblicato nella mailing list Debian Devel Announce, quella che segue é una mia traduzione per i lettori di lingua italiana.


Molte cose sono successe nel mondo di Debian Multimedia durante il ciclo di sviluppo di Squeeze, perciò pensavamo fosse giusto fornire un aggiornamento sulla situazione attuale all’interno del team.

Chi siamo

Originariamente vi erano due team impegnati nella multimedialità: Debian Multimedia e Debian Multimedia Packages. Ci teniamo a far notare che nessuno di essi è legato al sito esterno debian-multimedia.org, mantenuto da Christian Marillat e che fornisce pacchetti che introducono conflitti e problemi con le applicazioni FFmpeg-based (come mplayer e VLC) presenti in Debian Squeeze.

Al fine di evitare un’inutile duplicazione del lavoro, a fine 2008 entrambi i team sono stati riunificati nel team Debian Multimedia Maintainers. Da allora, moltissimo lavoro è stato svolto e questo testo vuole fornire un breve riassunto delle nostre attività.

Software multimediale di largo consumo per Debian

Quello che segue é un breve elenco dei software dedicati alla riproduzione del materiale audiovisivo che saranno disponibili in Debian Squeeze:

  • FFmpeg 0.5.2, in una versione finalmente ricca di tanti codec precedentemente ritenuti non conformi alle Linee guida per il Software Libero (un infinito grazie va al nostro project leader Stefano Zacchiroli per tutto il supporto fornito). Gli unici esclusi rimangono ancora i codec per MP3 e H.264.
  • mplayer 1.0rc3, finalmente dotato di mencoder.
  • VLC 1.1.3.
  • Accelerazione hardware VDPAU in FFmpeg e mplayer (sono richiesti feedback e commenti).
  • Guayadeque 0.2.5
  • gmusicbrowser 1.0.2

Quello che segue, invece, é un breve elenco dei software che non faranno parte di Squeeze:

  • FFmpeg 0.6, disponibile in experimental.
  • Accelerazione hardware VA-API. In experimental sono disponibili pacchetti forniti di tale feature per il supporto di hardware Intel.

Software per la produzione multimediale

Quello che segue é un breve elenco dei software dedicati per la produzione multimediale che saranno disponibili nella prossima versione stabile di Debian.

  • Ardour 2.8
  • Audacity 1.3.12
  • Composite 0.006
  • Csound 5.12. È disponibile anche l’interfaccia grafica QuteCsound.
  • FluidSynth 1.1.1
  • Hydrogen 0.9.4.1
  • Internet DJ Console 0.8.3
  • Jokosher 0.11.5
  • LiVES 1.3.4
  • mhWaveEdit 1.4.20
  • morituri 0.1.1
  • QTractor 0.4.6
  • Rosegarden 10.04.2
  • SooperLooper 1.6.14
  • Traverso 0.49.1
  • X Jack Video Monitor 0.4.13
  • Yoshimi 0.058.1

Inoltre, saranno disponibili le seguenti piattaforme e framework:

  • JACK versioni 0.118 e 1.9.6 (quindi, jackd1 and jackd2), con la possibilità di scelta fra le due possibili versioni.
  • Supporto LV2, numerosi plugin sono già disponibili e pronti per essere utilizzati con applicazioni come Ardour.
  • I plugin LADSPA sono tutt’ora supportati.
  • DSSI 1.0.0, con numerosi plugin disponibili.
  • Il supporto per le periferiche FireWire e la compatibilità con il sistema JACK vengono forniti da libffado.

La futura versione di Debian non fornirà le seguenti piattaforme e applicazioni:

  • Server JACK con supporto di sessione.
  • Ardour 3, ancora in fase di sviluppo.
  • SuperCollider. I lavori sono ancora in corso d’opera e non verranno completati prima del rilascio di Squeeze.
  • Toonloop. Il suo ingresso in Debian sid è recente e ormai é troppo tardi per garantire la qualità sufficiente per entrare a far parte del set di rilascio.
  • NASPRO, comoda liberia per lo sviluppo di plugin LV2. È già disponibile in Debian sid.
  • Mixxx: la versione 1.7 presenteva notevoli difetti e siamo fuori tempo massimo per l’inclusione della versione 1.8 nella prossima Debian stabile.

Debian Multimedia Blend

Stiamo preparando un blend dedicato alla multimedialità allo scopo di fornire una panoramica delle applicazioni multimediali disponibili in Debian. Sono già disponibili un breve elenco, per una consultazione veloce delle applicazioni, e una panoramica dettagliata, comprensiva di informazioni come lo stato delle traduzioni, popolarità e schermate di esempio per ognuna di esse. Chiunque volesse aiutarci nel migliorare il nostro lavoro, è invitato a farlo o accedendo direttamente al repository SVN o mandando un’e-mail a Andreas Tille <tille@debian.org> o alla nostra mailing list debian-multimedia@lists.debian.org. Facciamo presente che non tutte le applicazioni presenti nel sopra citato elenco sono mantenute dal team Debian Multimedia, poiché l’obiettivo é quello di fornire una panoramica su tutte le applicazioni multimediali e non solo quelle sotto la nostra responsabilità.

Per chi volesse aiutarci nella risoluzione dei bug nei pacchetti multimediali, sono disponibili sia la pagina generata automaticamente dagli strumenti Blend che la pagina del team.

Altre attività

Successivamente alla riunificazione, il team é cresciuto rapidamente: degli attuali 52 membri elencati sulla pagina di Alioth, 20 hanno fatto il loro ingresso nel 2009 e 18 nel 2010, molti dei quali sono impegnati sia nello sviluppo della pacchettizzazione che del software upstream. Anche il numero dei software è fortemente aumentato: degli attuali 205 pacchetti presenti nella nostra area del repository git, 112 sono stati introdotti per la prima volta nel 2010.

Come contattarci

Il team Debian Multimedia Maintainers può essere contattato all’indirizzo pkg-multimedia-maintainers@lists.alioth.debian.org, abbiamo inoltre deciso di riutilizzare il vecchio indirizzo debian-multimedia@lists.debian.org per le discussioni tra utenti e, più in generale, per argomenti non tecnici, perciò invitiamo chiunque sia interessato ad argomenti multimediali a iscriversi a tale lista. Consigliamo caldamente agli addetti ai lavori e agli sviluppatori interessati di iscriversi alla prima delle sopra elencate mailing list. Infine, alcuni dei membri del team si riuniscono nel canale IRC #debian-multimedia della rete OFTC.

Regards,

Alessio Treglia on behalf of the Debian Multimedia Maintainers

Gestire i caratteri con Font Manager

Già disponibile in Debian sid da qualche giorno, é entrato da poche ore in Maverick e fornisce delle funzionalità davvero interessanti per quanto riguarda la gestione dei font.

Sto parlando di Font Manager, sviluppato in C e Python da Jerry Casiano, vera e propria chicca per chi vuole installare, rimuovere e confrontare i caratteri installati sul proprio sistema.

Seguono un paio di schermate:

Per installarlo basta un

sudo apt-get install font-manager

Fatemi sapere cosa ne pensate 😉

Link

Quando tutto ebbe inizio

Tutto cominciò quando mi accorsi di aver distrutto la tabella delle partizioni NTFS del mio disco fisso principale.

Lavori, configurazioni e dati di ogni genere stavano lì, come sospesi in una sorta di limbo a metà fra la vita e la morte: avevo bisogno di trovare una soluzione affidabile e sicura, dovevo assolutamente recuperare ogni cosa.

Era il 2006 e il mese era novembre, all’epoca producevo musica, ogni tanto ancora mi esibivo (quanto è strano, per me, oggi, ricordare quei momenti) e usavo Windows XP, unico sistema allora compatibile con l’hardware Behringer di cui disponevo.

Il giorno seguente alla catastrofe, Valerio “nontiseguo” mi diede una live di Ubuntu e cercò di consolarmi con un:

Nel caso in cui non riuscissi a riparare il danno con questa potrai almeno controllare la posta!

Mi ci vollero un paio di giorni per risolvere la situazione che si era venuta a creare e nel frattempo cominciai a esplorare la versione 6.10 di Ubuntu, trovandola un po’ bruttina ma sicuramente veloce e di facile utilizzo.

Ciò mi turbò, sinceramente non avevo ancora toccato con mano i progressi fatti negli ultimi anni dalle varie distribuzioni, la mia esperienza con i sistemi Linux si fermava a una decina di anni prima[1], quando avevo riposto una RedHat 4.2 in un cassetto della stanza di casa mia che oggi viene definita (non senza una certa importanza) come lo studio, ma che allora era la più popolare camera degli ospiti. Dopo mille incazzature, diverse umilianti sconfitte e anche gloriose soddisfazioni (solo chi ricorda quell’epoca sa bene quanto fosse emozionante veder partire X per la prima volta) decisi che per Bitmore e compagni (in realtà, fin da subito non mi accontentai della sola RedHat, provai anche Debian e altre distribuzioni) avrei trovato del tempo una volta imparato il C e completato Quake.

Passati diversi anni, dimenticati i buoni propositi, la musica entrò prepotentemente nella mia vita e così declassai la “programmazione”[2] ai posti più bassi della classifica delle mie priorità. Su tutti i miei desktop e laptop vi era installata una copia di Cubase SX con una miriade di plugin VST e passavo il tempo a creare, suonare, ri-suonare, filtrare, equalizzare, campionare, mixare, re-mixare e masterizzare[3] qualsiasi cosa mi passasse per le mani (una volta ho persino curato la produzione e post-produzione della colonna sonora di un cortometraggio!): questa era la mia vita.

E ancora: la ricerca dei club dove ascoltare e ballare della buona elettronica, e la passione per la house music (della quale oggi, viste e ascoltate le più recenti hit etichettate come house, con infinito dispiacere do notizia della sua morte), e tutto il rubato allo studio universitario, e i miei problemi, le avventure, gli amici, e Lanzarote e Barcellona.

Già, Barcellona. Penso a quei momenti e si torna di nuovo al 2006. L’estate stava finendo e proprio durante quella vacanza mi accorsi di averne le palle piene di essere la dimostrazione vivente di come possedere una personalità poliedrica potesse rappresentare il peggior difetto di un uomo. Così, al rientro in patria, deciso a mollare tutto il superfluo per concentrarmi sul mio futuro, inserii la freccia e mi preparai a svoltare.

Gli incontri furono decisivi. Fu proprio allora che, in un pomeriggio di uno splendido ottobre romano, conobbi Valentina, la mia dolcissima metà, con la quale condivido tutto ciò che sono: molto di me deriva dal nostro rapporto.

Un altro importante incontro fu la Comunità Italiana di Ubuntu: pochi sanno che Milo fu il mio primo contatto, iniziai a tradurre qualche programma qui e là, entrai quasi subito nel Gruppo Documentazione e nel giro di qualche mese fui nominato editore del wiki, quindi amministratore (ruolo che ancora oggi ricopro insieme all’amico Leo Iannacone).

Dopo poco più di un anno dal mio ingresso in Ubuntu-it il mio interesse si spostò verso lo sviluppo, cominciai lavorando sui merge/sync da Debian, proponendo piccole patch e, infine, grazie soprattutto al grande sostegno fornitomi da Luca Falavigna e i due “Andrea” (“warp10” Colangelo e “gaspa” Gasparini) entrai ufficialmente a far parte del team di sviluppo di Ubuntu nel febbraio 2009.

Il resto (almeno in buona parte) è noto.

A questo punto, cari Lettori (o almeno quei pochi che hanno avuto la pazienza di arrivare fino a questo punto), é doveroso per me rispondere alle domande che quasi tutti vi sarete posti:

Cosa é successo? Qual é il motivo di cotale pippone?

Ammazza che palle: hai finito?

Cominciamo dalla seconda: sì, mancano giusto titoli di coda e ringraziamenti.

La prima, invece, merita qualche riga in più.

Ciò che ho scritto prima non è altro che il flusso dei ricordi che ha attraversato la mia mente quando, pochi giorni fa, nell’aprire la posta mi accorsi di aver ricevuto una mail che aveva il seguente oggetto:

New Debian developer Alessio Treglia

Aprii di corsa Chromium, XChat e mi accorsi che, beh, sì, era tutto vero.

NM completata: “congrats alessio!

Mi trovavo seduto nel laboratorio Campus One e, dopo aver fatto il pieno di complimenti, pacche-sulle-spalle, minacce e soprattutto ricatti, spensi il laptop e rimasi così a osservare i riflessi sullo schermo del computer, cercando di ricordare da che parte fosse cominciato tutto.

Ringraziamenti

  • Enrico Zini: il mio AM, al quale prometto che dedicherò ad Arista Transcoder sempre la massima attenzione.
  • Luca Falavigna: il mio mentore, sponsoradvocate: cosa volete di più?[4]
  • Free Ekanayaka: un grande developer ma soprattutto una bella persona che ho avuto il piacere di conoscere all’UDS di Dallas, se oggi sono un membro attivo del Debian Multimedia Team gran parte del merito (o della colpa, dipende dai punti di vista) é suo
  • David Paleino: preparato, un po’ pignolo ma tanto simpatico e davvero bravo. Donne! È tutto vostro!
  • Giuseppe Iuculano: penso che sia più felice di me per la mia NM. Devo avergli fatto due palle di proporzioni incredibili! Tant’è che è stato lui il primo a propormi di avviare la procedura per diventare Debian Developer 🙂

Ma il ringraziamento più grande e più sentito va a Lei, Valentina, il mio centro di gravità, che ogni giorno, da più di tre anni e mezzo, sopporta e sostiene questo ex-fighetto ormai definitivamente trasformato in un vergognoso nerd[5].
Senza di te nulla sarebbe stato uguale.

[1] Oddio, non è proprio del tutto vero, ma fate finta di credermi…

[2] Odio tale definizione volgare e populista per l’arte dello sviluppo del software, ma in questo caso è utile allo scopo.

[3] No, il masterizzatore non c’entra nulla, piuttosto date un’occhiata qui.

[4] Cooooosaa?? Una cena da Roadhouse??

[5] Avete presente la favola della principessa che bacia il ranocchio che poi si trasforma un principe che poi… Beh, il resto non conta, per capire cosa intendo vi basta scambiare il principe col ranocchio.

I miei contributi a Lucid

Come feci per Karmic, ecco un breve sunto dei pacchetti sui quali ho lavorato (aggiornamenti e bugfix) per la nuova versione di Ubuntu ormai prossima al rilascio.

Per la stragrande maggioranza dei pacchetti multimediali discussi in questo articolo sono maintainer o co-maintainer anche per Debian.

Internet DJ Console per trasmettere su Internet

La nuova release del client {ice,shout}cast grafico per stazioni radiofoniche Internet fornisce nuove interessanti caratteristiche e risolve numerosi bug riscontrati nelle precedenti versioni.

L’applicazione non ha bisogno di particolari descrizioni, chiunque abbia anche solo provato a trasmettere stream audio su Internet, su sistemi Debian e Ubuntu, l’ha installata e avviata almeno una volta. Ecco una schermata:

MP3 Diags per correggere i file MP3

L’applicazione aggiunge una notevole solidità alle caratteristiche già discusse in passato su questo blog e Marian Ciobanu, lo sviluppatore, già da alcuni mesi ha rilasciato una prima versione 1.0 veramente stabile; su Lucid, come anche su Debian squeeze, è presente l’ultima versione disponibile.

LiVES, un ottimo strumento per VJ

Già presente in Karmic, ora disponibile per Lucid con l’ultima versione disponibile, arricchita di infinite funzionalità. Ottimo sia come editor video che per il VJing.

Direttamente dagli anni ’80: Nekobee!

Da qualche mese ho affiancato Free Ekanayaka nel mantenimento per Debian di questo fantastico clone del TB-303, il famoso sintetizzatore per bass line della Roland. Disponibile in Lucid la versione più recente.

Costruire il proprio sintetizzatore con Alsa Modular Synth

Alsa Modular Synth é un’implementazione digitale di un sistema modulare di sintesi analogica. In pochi termini, ams mette a disposizione numerosi moduli di base (oscillatori, amplificatori, filtri di diversi tipi e molti altri) che si possono assemblare e personalizzare al fine di progettare un sintetizzatore virtuale utilizzabile in tutte le applicazioni host compatibili con JACK. Va notato che, grazie a questo approccio e alle infinite combinazioni possibili, si hanno a disposizione innumerevoli configurazioni ed è possibile adottare la tecnica di sintesi che più si preferisce: è infatti possibile creare synth additivi, sottrattivi o a modulazione di frequenza con una incredibile semplicità e con pochi clic del mouse.

Sia in Debian testing che in Lucid é presente l’ultima versione stabile rilasciata.

Il synth definitivo: Bristol

Semplicemente: il miglior sintetizzatore a emulazione analogica in circolazione per GNU/Linux. Per avere un’idea degli strumenti offerti da Bristol basta dare un’occhiata all’elenco dei synth emulati: non é impressionante?

Attualmente su Debian sid é disponibile l’ultima versione di sviluppo, su Lucid é presente l’ultimo rilascio stabile.

Il mio sequencer preferito: Qtractor

Per chi, come me, proviene da esperienze di produzione basate sull’utilizzo massiccio di strumenti professionali come Cubase SX e Logic, disponibili solo su sistemi Windows e Mac, Qtractor rappresenta la luce. I motivi per affermare ciò sono rintracciabili nell’elenco delle caratteristiche fornite:

  • Registrazione e sequencing audio/MIDI multitraccia
  • Possibilità di utilizzare un numero infinito di tracce
  • Numero infinito di effetti per traccia
  • Editing non lineare e non distruttivo, infiniti step undo/redo
  • Supporto completo per JACK come sistema audio e ALSA per il sequencing MIDI
  • Mixer e monitor integrati, patchbay integrato per il controllo di tutte le connessioni (simile a QjackCtrl)
  • Supporto per i formati OGG, MP3, WAV, FLAC, AIFF e molti altri
  • File di progetto in formato XML
  • Supporto per plugin LADSPA, DSSI, VSTi nativi e LV2
  • Interfaccia intuitiva e personalizzabile, con supporto per drag-and-drop, multiselezione e point-and-click.

Potete trovare l’elenco completo al link presente sopra.

SooperLooper aggiornato all’ultima versione

Il vecchio maintainer aveva perso interesse per questo ottimo campionatore, così ho pensato di sistemarlo e aggiornarlo in tempo per il rilascio di Lucid. Ecco una schermata:

Editing avanzato con Snd

Operazioni riguardanti la finalizzazione delle tracce (come il mastering) richiedono pazienza, grande accuratezza e precisione e Snd fornisce tutto il necessario per un risultato professionale. Non fatevi ingannare dalla sua interfaccia semplice e minimale, le sue numerose caratteristiche e il supporto per i plugin LADSPA lo rendono un editor adatto a tutte le necessità.

Sia su Debian squeeze, per la quale é disponibile l’ultima versione, che su Ubuntu 10.04 «Lucid Lynx» sono disponibili diverse soluzioni:

  • snd-gtk-jack fornisce un’interfaccia grafica e il supporto per JACK
  • snd-gtk-pulse affianca all’interfaccia GTK il supporto per PulseAudio
  • snd-nox é una versione dell’editor compilata senza il supporto per X

Transcodificare video con Transmageddon

Grazie al supporto della piattaforma GStreamer, Transmageddon é lo strumento adatto ai più esigenti; il numero di formati supportati dipende dai codec rilevati sul sistema. Ecco una schermata della finestra principale dell’applicazione:

DeVeDe e Avidemux

Aggiornati entrambi alle ultime versioni disponibili.

Bombono DVD: un’altra applicazione per il DVD authoring

Entra negli archivi di Ubuntu, per la prima volta, l’applicazione di authoring per DVD Video che grande successo ha riscosso negli ultimi mesi nei vari forum degli utenti. L’applicazione é ben scritta, il suo utilizzo é semplice e l’interfaccia intuitiva: non vi resta che installare il pacchetto bombono-dvd.

Gestire i propri download con Uget Download Manager

Uget é un completo gestore di download scritto in GTK di facile utilizzo. La versione presente sia in Debian testing che su Ubuntu Lucid è l’ultima stabile. Qui potete trovare alcuni screenshot illustrativi.

Simple Scan per una facile scansione di documenti e immagini

Simple Scan é un’applicazione scritta da un dipendente Canonical, Robert Ancell, ed è stata pensata per tutti quegli utenti che hanno necessità di effettuare velocemente la scansione dei propri documenti senza dover badare alle innumerevoli opzioni presenti in XSane, sostituito nell’installazione di default proprio dallo stesso applicativo.

Il pacchetto simple-scan é presente anche in squeeze, ma devo dire che le operazioni di manutenzione non mi sono rese proprio facili dall’autore del programma, che si ostina a ignorare la possibilità di merging per Ubuntu e continua a caricare nuove versioni prima negli archivi della derivata più celebre di Debian che in quelli della “roccia sulla quale è costruita” la stessa Ubuntu. Non confido nella possibilità che le cose un giorno cambino, ma si sa, la speranza é l’ultima a morire.

gmusicbrowser, un semplice jukebox per GNOME

gmusicbrowser é un’applicazione scritta in Perl + GTK e consente di organizzare la propria collezione di musica in modo estremamente semplice e intuitivo. Benchè sia simile a Rhythmbox, l’applicativo é stato progettato per consentire una veloce gestione di collezioni musicali di grandi dimensioni e inoltre, trattandosi di un linguaggio interpretato, fornisce il supporto per tutte le architetture.

Il pacchetto gmusicbrowser é disponibile sia negli archivi di Debian che in quelli di Ubuntu e fornisce l’ultima versione disponibile.

libmtp e il supporto per i lettori multimediali

libmtp é un’implementazione open source del protocollo Media Transfer Protocol di Microsoft, per l’esattezza la libreria fornisce un’implementazione per tutte le interfacce definite nella classe di servizi proposta per la standardizzazione, nota come MTP Basic.

Oltre ad ampliare il supporto a tali dispositivi di numerosi applicativi come Rhythmbox, Amarok, Banshee e Nautilus (il file manager di GNOME), libmtp fornisce anche dei programmi a riga di comando utili per comunicare direttamente con le periferiche: tali programmi sono disponibili nel pacchetto mtp-tools.

Per un elenco completo delle periferiche la cui compatibilità é stata testata, consultare questa pagina.

Concludo segnalandovi un evento:

Workshop su UbuntuStudio tenuto all'ex Mattatoio di Aprilia

Ebbene sì, ho tenuto un workshop su UbuntuStudio per un’associazione culturale di Aprilia ma non ho avuto modo di avvisarvi per tempo 🙁

Link

Windows 7, un silenzioso terrorista

Oggi é il mio compleanno.

Grazie, grazie mille per gli auguri, ma perdonatemi se non sono in vena di festeggiamenti.

Come no? I tuoi 26, ormai sei più vicino agli `enta` che agli `enti` e…

No, sul serio: non é aria. Tutto questo grazie a 7, il sistema operativo di casa Microsoft.

Molti mi avevano parlato dei miglioramenti introdotti nel successore di Vista ma il mio scarso interesse e la mia poca fiducia mi hanno sempre portato a ignorare tanti elogi e a procedere dritto per la mia strada. Almeno fino a venerdì scorso, giorno in cui ho acquistato un nuovo portatile.

Come potete immaginare, la macchina era già fornita di una copia autentica di 7 (che culo!) e il primo boot in assoluto l’ho eseguito proprio con il nuovo merdoso sistema operativo Microsoft (spero che mi vogliate perdonare l’uso dell’aggettivo, ma non riesco a trovarne uno più adatto).

Ma passiamo ai fatti e iniziamo dal principio:

Venerdì 19 febbraio

Appena avviato Windows, riavvio senza neanche consultare l’elenco dei programmi installati, ovviamente con un CD di Ubuntu 9.10 inserito nel lettore e procedo al partizionamento, ottenendo il seguente risultato come tabella delle partizioni:

  1. Partizione nascosta contenente il software del produttore (eMachines, ma dietro il suo nome si cela la più nota Acer), primaria.
  2. Partizione di ripristino di Windows, NTFS primaria.
  3. Windows 7, NTFS primaria.
  4. Estesa, partizione logica (circa 140 GiB) dedicata a Ubuntu, EXT4.
  5. Estesa, partizione logica (circa 35 GiB) dedicata a Debian, EXT3.
  6. Estesa, Linux swap di 3 GiB circa (per l’ibernazione).

Come potete facilmente immaginare, le operazioni successive sono state (in ordine):

  1. installazione di Ubuntu 9.10;
  2. installazione di Debian squeeze.

Finita la prima fase, sono passato a configurare e a personalizzare tutti i miei strumenti di lavoro: ambiente di sviluppo, chroot, chiavi SSH, GPG, impostazioni dei browser, installazione codec & pacchetti per il testing.

Sabato 20 febbraio

Il sistema va che é un’amore e, a parte un piccolo difetto nella gestione della luminosità dello schermo (risolto con un’opzione di boot del kernel), non c’é nulla che non funzioni esattamente come dovrebbe.

Domenica 21 febbraio

Mi alzo, ringrazio per gli auguri e studio un po’. Avrei potuto continuare a vivere felice e invece no, decido di trovare una soluzione definitiva al problema della luminosità dello schermo ed ecco l’idea:

Aggiornamento del BIOS

Ma per farlo serve Windows, così riavvio e al boot scelgo, per errore, la prima delle due partizioni NTFS, quella contenente il software di recovery di Windows.

Poco male, riavvia e scegli l’altra…

Appena parte l’interfaccia grafica del programma di ripristino, clicco immediatamente «Esci», con l’intenzione di tornare a GRUB2, il quale, invece di mostrarmi il solito menu, mi informa dell’assenza della partizione. Senza essere consapevole di ciò che era già accaduto e deciso a tentare il ripristino del boot loader, inserisco il CD live di Ubuntu, apro un terminale e digito: sudo fdisk -l

Faccio fatica a credere ai miei occhi, cerco di spiegare la realtà con la quale mi trovo a dover fare i conti aggrappandomi a poco probabili ipotesi riconducibili alla teoria del caos, ma senza successo: Windows ha piallato le due partizioni logiche contenenti Ubuntu e Debian.

Al posto delle sopracitate partizioni EXT4 e EXT3, ora c’è un buco etichettato come unallocated space e, difficile comprenderne il perché, l’unico superstite è la SWAP, risparmiata dalla furia genocida della razza GNU/Linux.

Ora, chi mi conosce sa bene che non ho mai usato termini come Winzozz, Micromerd, tantomeno ho mai affiancato alla promozione di Ubuntu altre attività denigratorie nei confronti dei concorrenti, ma con il racconto di ciò che mi è accaduto vorrei far rifliettere chi ancora sostiene che Windows 7 rappresenti un passo avanti e tale scopo, cari amici ancora affezionati a Windows, voglio illustrarvi uno scenario, che possiamo reputare poco probabile solo grazie alla correttezza dei sistemi open.

Immaginate di essere curiosi di voler provare per una volta un sistema diverso da quello che da sempre utilizzate; con buone probabiltà scarichereste un’immagine CD di una live con la quale avviare il vostro portatile. Ora calatevi nei miei panni e pensate a quanto vi incazzereste se, durante l’utilizzo della live, il sistema provvedesse di nascosto a distruggere la tabella delle partizioni del vostro disco fisso, rendendo di fatto inaccessibili tutti i vostri documenti, per presentarvi un messaggio, alla fine, simile al seguente:

Ciao! Cosa vuoi fare? Vuoi installare o tornare alla tua configurazione originale, lasciando tutto com’era prima?

Con quali motivi giustifichereste un comportamento del genere di quello sopra descritto?

Come definireste voi una tale politica?

Karmic, alcune novità – parte II

Proseguiamo con la panoramica delle novità introdotte nella versione di sviluppo di Ubuntu, attuale Ubuntu+1.

Preso da una folgorante passione per la multimedialità (sono perfino entrato a far parte di Ubuntu MOTU Media team e Debian Multimedia packages maintainers), ho pensato di prendermi cura di alcune applicazioni che hanno come compito principale quello di facilitare la vita di tutti quegli utenti sempre poco soddisfatti dei vari editor audio/video, ripper, encoder et similia messi a disposizione dal più popolare sistema GNU/Linux.

Video for Linux 2 Universal Control Panel

Desidero inaugurare tal succulento banchetto con un software che ben conosce chi in passato, mentre si apprestava a configurare la propria webcam, ha incontrato problemi relativi alla regolazione di parametri dell’immagine come luminosità, contrasto e saturazione.

Sto parlando di v4l2ucp, un semplice pannello di controllo sempre utile, talvolta necessario, a migliorare la qualità delle immagini riprese attraverso periferiche compatibili con Video 4 Linux Two.

L’applicazione legge la descrizione dei controlli forniti dalle periferiche V4L2 e, partendo da questa, fornisce all’utente un’interfaccia grafica contenente tutti i sopra citati controlli, consentendo all’utente di personalizzare ogni singolo dettaglio.

Per installare il pacchetto, è sufficiente digitare:

sudo apt-get install v4l2ucp

Avidemux

C’è poco da aggiungere sul programma in questione, la sua estrema facilità d’uso è nota e la riorganizzazione in moduli dei plugin effettuata da upstream dalla versione 2.5 (su Karmic è disponibile la 2.5.1) l’hanno reso più flessibile e potente.

Seguono alcune schermate d’esempio (si riferiscono tutte alla versione per GNOME):

Sono disponibili tre pacchetti diversi, uno per ognuna delle interfacce utente disponibili. Se usate GNOME e volete installare la versione sviluppata con le librerie GTK+, vi basta digitare:

sudo apt-get install avidemux

Se invece siete degli utenti di KDE, vi conviene installare l’interfaccia progettata con le librerie sviluppate da Nokia:

sudo apt-get install avidemux-qt

Nel caso in cui siate dei dannati nerd amanti della tastiera e dello schermo nero-che-più-nero-non-si-può, sono sicuro che rimarrrete piacevolmente stupiti dalla command line interface:

sudo apt-get install avidemux-cli

Insomma, ce ne é per tutti i gusti, non vi resta che provare.

Conclusioni e ringraziamenti

In realtà, dato che questa non è l’ultima puntata della saga “Ecco cosa vi aspetta“, ciò che segue rientra più nella categoria dei secondi che in quella dei primi.

Desidero ringraziare Christian Marillat, Debian Developer nonché maintainer del noto repository multimediale, con il quale ho avuto il piacere di collaborare al miglioramento di diversi pacchetti presenti sia in Ubuntu che nel suo repository.

Nella prossima puntata vi guiderò alla scoperta di alcune delle altre new entries che saranno disponibili dalla prossima Ubuntu 9.10 «Karmic Koala».