Un’interessante (e interessata) opinione

Mi riferisco ovviamente a quella di FelipePollycoke” sul suo blog.

Come membro della Comunità Italiana di Ubuntu mi sento in dovere di esprimere pubblicamente il mio dissenso sull’articolo “La comunità Ubuntu-it a ripetizione di buone maniere?” pubblicato dall’autore sul suo famoso e frequentatissimo blog.

Non riesco proprio a interpretare le parole di Felipe come un ingenuo quanto disinteressato commento sull’accaduto, io ci vedo molto di più.

Soprattutto ci vedo un bell’esempio di quella parte del giornalismo contemporaneo che poco sopporto, quello alla Mimun, alla Riotta, alla Mentana, per intenderci. La notizia è stata riportata in un modo molto poco rispettoso dei fatti: pubblicato lo scandalo, omesse le successive scuse e il ritiro del post dal blog di Emanuele Gentili. Inoltre, chi, come me, segue tutte le mailing list (pubbliche) della Comunità, conosce bene l’aria che si respira in questi giorni.

Che tali omissioni siano il risultato di un potente attacco di amnesia anterograda, beh, non riesco a crederci. Piuttosto, mi risulta più facile addebitare cotanta disattenzione a qualcosa di… mmm… luccicante!

Avviso ai naviganti, attivata la “recovery mode” per WordPress

A causa di lameraggine ridonante (con bit di parità impostato a 1) e a numerosi altri problemi, la maggior parte dei quali dovuti a un crash imprevisto del sistema durante l’aggiornamento alla versione in fase di sviluppo di WordPress, su questo blog è stata attivata la recovery mode.

Sicuri che vi divertirete con la nostra shell(uppa di salvataggio), ci scusiamo per il disagio.

Prestate molta attenzione! Un clic su questo link potrebbe comportare la comparsa di una shell testuale! L’autore non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda eventuali attacchi di panico e/o comparsa di sintomi di psicosi maniaco-depressive in utenti Windows!

Noi, “Ubunteromani”

In questi ultimi giorni, i contenuti di questo blog si sono molto alleggeriti, merito delle ultime evoluzioni in casa Ubuntu-it, della fresca-fresca Coppa Italia conquistata dalla squadra della Capitale e, beh, del mio umore, inversamente proporzionale alla voglia de lavorà.

E allora ecco un altro post light, ottimo pane per i denti degli amanti del cazzeggio: vi presento 6 fantastici Ubunteromani!

Una dedica…

…a un personaggio noto, di cui ricordo con sommo dolore la scomparsa.


Disponibile il repository Bazaar per l’autenticatore

Nuovo autenticatore, nuovo repo, nuova vita!

Ho terminato il trasloco del progetto da Google Code a Launchpad, la piattaforma di sviluppo di Ubuntu, di conseguenza per continuare a ricevere gli aggiornamenti dell’applicazione sarà necessario ri-scaricare i sorgenti con la nuova procedura aggiornata e revisionata, presente nella pagina dedicata.

Un brindisi…

…all’ultimo colpo di quegli impicciacassi del team di Dietro le 5 (per chi non lo sapesse, il progetto è sotto la responsabilità del Gruppo promozione): la malcapitata è Flavia Weisghizzi (Flavia, hai la mia solidarietà), l’intervista è disponibile sul sito della Comunità Italiana di Ubuntu (fonte: BugMaN).

Un altro brindisi (essì, stasera siamo partiti davvero molto male!) al fortunato backport dei moduli del kernel per la mia Ralink RT73. Chiunque possedesse la mia stessa scheda senza fili può facilmente installare la versione aggiornata di driver+firmware con il semplice comando:

sudo aptitude install linux-backports-modules-hardy

Il pacchetto, disponibile anche per architetture a 64 bit, è presente nel componente main dei repository ufficiali di Ubuntu 8.04 «Hardy Heron».

Ancora sull’autenticatore…

È disponibile una nuova versione, contenente vari bugfix, compreso quello riguardante la funzionalità di log-in automatico. La modifica più interessante (e più evidente) riguarda comunque l’interfaccia: niente più finestra in primo, al suo posto una simpatica icona residente traybar!

Ecco uno screenshot della nuova versione (non fate caso al timeout, era un test!):

aggiornamento_gtk-rm3wifi-authenticator

La procedura di installazione è descritta nella relativa pagina su questo blog. Per commenti e segnalazione fate riferimento alla pagina del progetto.